Pellicine e cuticole da togliere completamente a secco. Pare essere l’ultima frontiera dell’estetica in materia di manicure, anche se pare che non tutti siano d’accordo.

La manicure russa si basa su un metodo abrasivo, elimina pelle morta o in eccesso andando molto vicino alla matrice dell’unghia. Ferite e taglietti sono piuttosto comuni (per questo l’igiene va messa prima di tutto).

Il primo step è quello di spingere le cuticole con un apposito attrezzo per poi passare al trattamento vero e proprio che vede protagonista uno strumento elettrico rotante sopra cui vengono montati una serie di accessori.

Il primo pare essere un tool a punta liscia che serve a intensificare il lavoro fatto in precedenza sulle cuticole seguendo una linea di confine tra unghia e dito e asportando la pelle in eccesso e le pellicine che circondano le unghie stesse. Poi si utilizza un tool con punta a trapano molto sottile che va a rifilare ulteriormente per poi passare a una pallina dalla superficie abrasiva.

Infine con un pennellino morbido si eliminano i residui del trattamento.

Come sempre vi ricordiamo di affidarvi a gente esperta e qualificata che sappia usare bene gli strumenti di lavoro.

Che ne pensate? Lo provereste?